Produzione idrogeno con Alluminio e acqua

Il sogno di alimentare un’automobile con l’acqua del rubinetto non è un’idea recente, Stanley Meyer, con il suo Dune-Buggy alimentato ad acqua, è il più noto.

Senza ricorrere all’elettrolisi dell’acqua, è noto che i metalli in contatto con l’acqua sviluppano Idrogeno, anche se la reazione ha bisogno di un aiuto perché possa essere presa in considerazione.

Verso la fine del secolo scorso, un inventore brevettò un sistema di produzione di Idrogeno, mettendo a contatto un filo e un cilindro rotante di Alluminio, immersi nell’acqua, alimentandoli con l’alta tensione derivata dalla bobina dell’auto; nel punto di contatto tra il filo e il cilindro, si crea una scintilla che frantuma e surriscalda l’Alluminio.

2Al + 6H2 O → 2Al(OH)3  + 3H2

2Al(OH)3  --- T° -->    Al2 O3  + 3H2 O

Oltre alla produzione di Idrogeno, si forma Al2 O3 (allumina).

https://en.wikipedia.org/wiki/Aluminium_oxide

Il progetto fu bloccato perché un autorevole esperto, dichiarò l’allumina molto pericolosa per la salute umana.

al + acqua

filo di alluminio

cilindro di Alluminio immerso nell’acqua

In questo estratto pubblicato sulle Scienze del 2009, si dimostra che è possibile scindere l’acqua con produzione d’idrogeno senza dispendio di energia, sfruttando la disposizione degli atomi di Alluminio

La dimostrazione è in questo recente articolo.

Una società americana utilizza un panetto composto da una lega di Alluminio, Gallio e Cobalto (AlGalCo), posto sul fondo di contenitori di acciaio inossidabile sui quali è fatta gocciolare l’acqua di rubinetto, contenuta in appositi serbatoi.

L’acqua, in contatto con la lega AlGalCO, si decompone sviluppando Idrogeno e Ossigeno; i due gas, già in proporzione stechiometrica, sono inviati direttamente nel carburatore del veicolo.

L’idrogeno è prodotto quando serve, senza la necessità di accumularlo in bombole ad alta pressione e senza utilizzare pompe.

Il sottoprodotto che rimane è riciclato per produrre alti panetti.

rick 3Riccardo Monti